Kenan Malik – Man, Beast and Zombie. What Science Can and Cannot Tell Us About Human Nature

«This book is about the science of human nature. about evolutionary biology and the science of mind. It investigates the ways in which certain strands of science have constructed an idea of what it means to be human. It explores the relationship between humans, animals and machines» (p. 8).
«What I have tried to do in this book is to look at us – human beings – simultaneously from several perspectives and to interweave them into a more coherent sense of what it means to be human. Man, Beast and Zombie is in part an exploration of the scientific arguments about human nature; in part it is a study of cultural history, about the impact of intellectual and cultural changes on scientific conceptions of the human; and in part it is an attempt to understand the philosophical framework within which the contemporary science of Man works» (pp. 31-32).
Parole fumose, come è il libro, che insopportabilmente lungo, Malik dichiara aver dovuto condensare al massimo.
L’autore gira intorno alle faccende, parte dai fondamenti («The Renaissance was a deeply religious age, but there was a new stress on worldly accomplishments and on human abilities», p. 4) e tenta di introdurre il lettore a una propria epistemologia delle scienze umane.
Che altro non è che una specie di riassuntone un po’ sgangherato di conoscenze storiche e scientifiche, presentate con tono impietosamente pedagogico: «For Enlightenment philosophes, it [humanism] expressed the belief that truth should be founded not on revelation, tradition or authority but on observation and reason» (p. 7) – «The Science of Man […] cannot be understood wholly apart from the culture in which that science is produced» (p. 11).
Certo che la domanda «How and when did we become human?» stuzzica l’appetito, ma qui non si arriva mai non al dunque, ma a un dunque qualsiasi.
L’autore si è informato, ma non sembra aver avuto idee chiare circa il proprio pubblico. Che se è talmente sprovveduto da non sapere neppure che cosa sia l’umanesimo, neanche comprerà mai un milione e tre di battute; e che se appena appena ha letto qualcosa di decente nella sua vita troverà per esempio insopportabile il tirare in ballo Monica Lewinsky o Bob Dylan.
Come spesso accade in questi casi, alcuni paragrafi funzionano bene, ma l’impostazione generale rimane del tutto sbagliata.
Pessimo libro di prima divulgazione.

 

Andrea Antonini, 6 giugno 2000