Trinh Xuan Thuan – Le chaos et l’harmonie

Abbiamo qui un ottimo libro, la storia dell’universo, la nascita della vita sulla Terra, la luna, gli asteroidi, il tempo, la teoria della relatività, il caos, gli atomi, il neutrino; e la bellezza della scienza, la simmetria, la creatività dell’imperfezione, la selezione naturale, Dio – citando alla rinfusa.
È un trattato sulla vita e sui percorsi di pensiero che hanno portato alle nostre attuali conoscenze e visioni scientifiche.
Basta sfogliare quest’opera per rendersi conto della ricchezza di contenuti,  è anche molto ben scritta, con un linguaggio chiaro.

Ora, questo è un libro di base. Va bene per chi non sappia assolutamente nulla di Keplero o di Einstein o dei quanti. È un libro meraviglioso per adolescenti intelligenti, superfluo per chi per altre vie abbia già acquisito le conoscenze descritte (e basta poco, basta una lettura anche sporadica di «Scientific American»). E qui sta il problema. Questo è un libro lungo e costoso, che ha bisogno di un forte lancio pubblicitario, di una promozione martellante alla Piero Angela. Se stiamo qui ad aspettare il passaparola dei lettori di «Newton» stiamo freschi.

 

Andrea Antonini, senza data